poesia

galatinatu@.it

                                                   GALATINATU.IT                                                                                     

                                                                                                                                                                       

                                                                                                                                                                          SETTIMANALE DI IDEE E DI MEMORIE

DOLCE SERA CHE MI CULLI        

                                                  sonetto caudato


Dolce Sera che mi culli alle vaghe

onde dei cieli, dimmi: ov’ero quando

da un fiat sprigionò un immane incendio,

esplosero amniotiche infinite plaghe1


e astri dilagarono nell’universo,

al buio estremo io vagante e perso!

Tu che sai le mie pene dimmi: ov’era

il verde della vita e del dolore3


quando la cometa impreziosì di ghiaccio

i fastigi dei monti, e mille vallate

armoniose di rivi e erbe ammantate?


Un’iride immensa irradiò colori

sui frutti, splendeva il frutto proibito

nel felice paradiso perduto.


Dimmi tu che ispiri i miei

pensieri: con me essi vanno al nulla eterno?4

Quel tempo che bevevo a fonti opachi

di poeti bohemiens folli ed ubriachi!

Ma se una mite vergine

col canto accompagna il pianto

d’un figlio e lui la guarda rapito

s’illumina il tugurio nella notte

e sul labbro e nello sguardo incantato

un prodigio di poesia.

E la tua pace, Sera, mi fa compagnia.


d.S.B. (da: SONETTI E CANTI di prossima pubblicazione)