ARCHIVIO

GALATINATU.IT

 

SETTIMANALE DI IDEE E DI MEMORIE

Galatinatu@libero.it

Galatina, 17/18 agosto 2018, ore 22/02

 

LA NOTTE DELLA TARANTA

Un rito evocatore e liberatorio

 

La notte della taranta rimanda alla notte dei tempi in cui natura umana ed entità simboliche si spartivano il tempo, e il luogo, una simbiosi che consentiva ad una umanità primitiva ed esposta a frapposizione di vari e a volte gravosi ostacoli, di avvertire come una protezione ed una salvaguardia della sua vita. Il morso della tarantola non era esso la causa della isteria reale che di rado prendeva anche il maschio adulto (ho assistito personalmente a questa manifestazione nella sacrestia della Matrice di Galatina, in una lontana data estiva avanzata), ma era la percezione onirica di una forza misteriosa nell'insidioso artropodo, prevaricatrice e allo stesso tempo da esorcizzare con l'agitarsi interiore ed esteriore, fisico e psichico accompagnato da una rappresentanza dei poteri domestici e sociali; ancora oggi il fenomeno lo si finge attuale e lo si trasporta sulla scena, e realmente la gente spettatrice si autocoinvolege e tutto si trasforma in una seduta collettiva di autotarantolismo rievocatore e liberatore.

Ieri ad ora tarda nelle piazze centrali di Galatina si è rinnovata la Notte della Taranta, meno gente dello scorso anno ma comunque tanta, convenuta dai paesi del Salento, dalle ore 22 sino alle 01,30 in cui i motivi canori tradizionali hanno intrattenuto il pubblico, mentre non pochi seduti ai bar hanno continuato la loro sosta notturna per altro tempo ancora.

red.

 

 

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

DIREZIONE

D. SALVATORE BELLO

 

 

 

 

 

E-MAIL

galatinatu@libero.it